Come diventare scrittore di viaggio

Ogni libro è un’occasione e “come diventare scrittore di viaggio” è stata l’occasione per rimettermi in gioco e riprendere a scrivere sul blog dopo un periodo di stasi.

come diventare scrittore di viaggio
Come diventare scrittore di viaggio

Come diventare scrittore di viaggio: di che si tratta

Autori: Dan George e Janine Eberle

Edizione Edt Lonely Planet

Il “manuale2 si compone di 7 capitoli che dal “discernimento” iniziale sul perchè si vuole diventare scrittori di viaggio passa ad un “breve corso di scrittura”. Non è tralasciato nemmeno l’aspetto legato alla pubblicazione.

Quindi un bellissimo focus sui blog di viaggio, esempi di vite vissute viaggiando e suggerimenti su come scattare buone fotografie (tecniche e strumenti).

Per concludere un capitolo interamente dedicato alle risorse letterarie e sul web per chi volesse intraprendere questo mestiere.

Perchè mi è piaciuto questo libro

Ammetto che in questo periodo avevo un po’ messo da parte il blog e questo libro mi ha ridato entusiasmo e tantissimi spunti di riflessione ed idee. Ho trovato particolarmente interesante la serie di esercizi “assegnati” per ciò che riguarda la scrittura e proprio la parte sulle tecniche narrative mi ha fatto fare un balzo indietro di almeno 20 anni e mi sono ritrovata sui banchi di scuola a scrivere temi particolarmente ispirati.

Ho scoperto, con mi grande piacere, di fare già tantissime delle cose suggerite a chi vuole raccontare di viaggi: ho un taccuino cu cui giornalmente scrivo e poi rielaboro; scatto foto facendo attenzione ad alcune regole imparate seguendo qualche corso; racconto dal mio punto di vista e soprattutto chiacchiero chiacchiero chiacchiero con le persone del luogo.

“Come diventare scrittore di viaggio” è un libro utilissiomo per l’autoformazione e fa venire voglia di andare ancora oltre e leggere tutti i libri che vengono citati al suo interno.

L’unica cosa che non mi è molto piaciuta è stata l’impaginazione (giuro che il fidanzato grafico non mi ha influenzata!): all’interno dei capitoli ci sono dei box di approfondimento ma trovo che il loro inserimento disturbi la regolare lettura poichè interrompono lo scorrere dei capitoli. Nulla da eccepire sul contenuto dei box poichè sono davvero molto interessanti.

In conclusione mi è piaciuto? Si!

Ve lo consiglio? Si certamente!

Se volete seguire i miei consigli di lettura vi suggerisco anche ” L’orizzonte ogni giorno un po’ più in là“.

Il mio racconto di viaggio: concorso di MuseoCity

Qualche giorno fa mi è arrivata la comunicazione di aver vinto un premio con il racconto di viaggio con cui ho partecipato al concorso indetto da MuseoCity.

MuseoCity è un’Associazione senza scopo di lucro che opera per la promozione e la valorizzazione del  patrimonio museale milanese con il fine di  di incrementare il coinvolgimento del pubblico e la partecipazione alla vita artistico-culturale della città, conferendo al Museo anche una dimensione di accoglienza.

Per far fronte al periodo di lockdown l’associazione ha organizzato un concorso settimanale “Capolavori e tante storie fai da te”: ogni settimana era scelta un’opera contenuta in uno dei musei di Milano e venivano associati ad essa un concorso sul disegno ed uno sul racconto. Ognuno poteva quindi presentare un’opera per categoria a settimana. Nella categoria disegni vi era una riproduzione da stampare e colorare (o riprodurre secondo la propria fantasia e con tecnica a scelta) mentre per i racconti vi era un incipit (sempre legato all’opera prescelta) e l’autore aveva il compito di continuare la storia.

Nella settimana fra il 20 ed il 26 Aprile l’opera scelta era la scultura di Francesco Messina “Bambino al mare” conservata nello Studio Museo Francesco Messina (Milano).

Ecco il mio racconto di viaggio per MuseoCity:

“Sono un bambino. Osservo il mare. Il mare sa essere calmo, tranquillo, arrabbiato,
agitato, tempestoso, spumeggiante proprio come me. E i miei stati d’animo. Alle volte mi chiedo…”

raccontoviaggio museoCity: inizio

Cosa c’è dall’altra parte di questo blu così grande e profondo? Forse un bambino come me, che si fa le stesse domande.

Un giorno mi piacerebbe prendere una di quelle grandi navi che ho visto al porto e andare lontano.

Non mi sono mai allontanato dal mio paese: conosco bene il mio giardino e la strada  da casa a scuola e ogni albero del parco giochi dove incontro i miei amici.

Ma il nonno mi ha raccontato che il mondo è molto più grande. Grandissimo. Mi ha mostrato un planisfero, una specie di mappa del tesoro, come quella che ho visto nel film con i pirati assieme a papà. Il nonno mi ha detto che sul planisfero c’è tutta la terra e che è qualcosa di meraviglioso, più di tutti i giochi insieme.

raccconto viaggio Museocity: mappa

Nel mondo ci sono palazzi altissimi, più alti delle nuvole, con ascensori così veloci che si arriva in cima in un attimo. Ci sono foreste e boschi dove è impossibile conoscere tuti gli alberi che li compongono e dove vivono in libertà quegli animali che mi piacciono tanto e che una volta ho visto allo zoo. Nel mondo ci sono mercati galleggianti e posti, che si chiamano musei, che raccolgono disegni di persone molto brave. E poi ci sono chiese giganti, strade lunghissime, fiumi, laghi, montagne normali e montagne di ghiaccio…

racconto viaggio museocity: palazziracconto viaggiomuseoCity: paesaggio

Nel mondo ci sono tanti bambini ed alcuni hanno la pelle marrone, altri bianca, altri gialla…

Un giorno mi piacerebbe prendere una di quelle grandi navi che ho visto al porto e andare lontano. Andare a trovare tutti questi bambini…

racconto viaggio Museocity: bimbo

Le immagini che vedete a corredo del racconto sono state realizzate per me da Pietro Barone, un bravissimo illustratore. Belle vero?

3 ricette con la feta per sentirsi in Grecia

 Con queste 3 ricette a base di feta sopperisco al mio viaggio in Grecia saltato. E si, perchè uno dei viaggi rimandati a causa dell’emergenza sanitaria (perchè me ne sono saltati ben 3 prenotati, senza contare gli altri 2 previsti per l’estate ) sarebbe stato il prossimo giugno a Salonicco. Abbiamo un amico che vive in Grecia ormai da quasi due anni e finalmente, con largo anticipo, ci eravamo organizzati per raggiungerlo. Ero felicissima di tornare nella patria di Omero dopo i miei precedenti viaggi ad Atene e a Corfù. Per risarcire in parte me ed i miei amici per il mancato viaggio, mi sono sbizzarrita con le ricette a base di feta. E visto che la rubrica sulle ricette dal mondo vi sta piacendo molto, ve ne propongo ben 3 diverse.

La feta è classificata come formaggio a pasta semidura ma friabile, caratterizzata da un colore bianchissimo e piuttosto salata, poiché la sua maturazione avviene in salamoia, per 2 o 3 mesi.

Probabilmente l’origine del nome è legata al taglio della cagliatura o alla forma del taglio sul vassoio (come se fosse una “fetta”).

Generalmente questo formaggio è realizzato con latte di pecora e caglio (miscela che provoca la coagulazione delle caseine idrofobe che precipitano e possono essere lavorate per realizzare il formaggio). Può contenere però fino ad un 30 % di latte di capra. Dal 2002 alla feta è stato riconosciuto il marchio DOP quindi nessun formaggio simile può chiamarsi FETA fuori dalla Grecia.

Nella patria ellenica la feta è utilizzata, nel modo più noto, come ingrediente della famosa insalata greca, in associazione a pomodori, cetrioli, peperoni, olio, origano, olive nere, cipolla e capperi (soprattutto nelle isole).

Questo formaggio è servito anche fra gli stuzzichini (mezedes)all’ora dell’aperitivo, assieme all’ouzo (distillato secco ad alta gradazione alcolica bevuto solitamente diluito con acqua).

A parte la classica ricetta dell’insalata greca, i cui ingredienti vi ho appena elencato e che vanno semplicemente uniti fra loro per comporre il piatto, vi propongo due ricette di insalate “modificate” e un primo piatto, non tipicamente greco, ma che utilizza la feta.

Insalata con feta e melone bianco

Ricetta feta Grecia

Ingredienti (per 4 persone)
  • 1 melone bianco
  • 4 cetrioli lunghi
  • 1 lattuga mille foglie
  • 120 g di feta
  • 1 cipolla piccola di Tropea
  • 100 g di yogurt magro
  • 1 cucchiaino di semi di sesamo nero
  • Aneto tritato
  • Il succo di ½ limone
  • Olio
  • Sale
  • Pepe
Preparazione

Lava i cetrioli e tagliali a nastro con la mandolina o il pelapatate. Dividi a metà il melone, elimina i semi e preleva la polpa con l’apposito scavino. Lava l’insalata e separa le foglie. Affetta la cipolla e marinala con il succo di limone. Frulla metà feta con lo yogurt e 2 cucchiai di olio, unendo poca acqua se necessario, e profuma con l’aneto. Disponi nei piatti i cetrioli, la cipolla e il melone, regola di sale e pepe e aggiungi l’insalata e la feta rimasta, dopo averla sbriciolata. Versa la salsa e cospargi di semi di sesamo nero.

Il tocco in più (o in meno)

Un altro modo per addolcire la cipolla è metterla a macerare con l’aceto o tenerla in acqua fredda un po’ di ore. Non avendoli a disposizione ho escluso i semi di sesamo  e  l’aneto. Il melone può essere anche tagliato a tocchetti se non avete lo scavino, così come i cetrioli.

Insalata Mediterranea

Insalata greca feta

Ingredienti (per 2 persone)
  • 1 arancia matura
  • Insalata valeriana
  • 200 g di feta
  • Aceto balsamico
  • Olio
  • Sale
Preparazione

Lava l’insalata e lasciala asciugare, quindi taglia  a tocchetti l’arancia (già sbucciata)e la feta. Disponi gli ingredienti in un piatto e condisci con aceto balsamico, olio e sale.

Il tocco in più (o in meno)

Puoi sostituire la valeriana con un altro tipo di insalata a tuo piacimento.

Pasta  melanzane e feta

Ricetta feta Grecia

Ingredienti (per 4 persone)
  • Pasta di qualsiasi formato (possibilmente integrale)
  • 250 g di melanzane
  • 100 g di pane raffermo integrale
  • 20 g di capperi sottosale
  • Menta
  • 1 spicchio d’aglio
  • 80 g di feta
  • 2 peperoncini freschi (piccoli)
  • Olio
  • Sale
  • Pepe nero

Preparazione

Scottate la pasta in abbondante acqua salata. Riducete il pane integrale in briciole grossolane attraverso un frullatore. Lavate i peperoncini, privateli dei semi e tritateli finemente. Versate un po’ d’olio in una padella e aggiungete le briciole di pane ed i peperoncini tritati e lasciate dorare a fiamma medio-alta per pochi minuti, facendo attenzione a non bruciarli. Lavate le melanzane, eliminate le estremità e riducetele a tocchetti di circa 1 cm. In un’altra padella mettete olio, uno spicchio d’aglio e le melanzane. Cuocete a fiamma medio-alta per 4-5 minuti, fino a che le melanzane non saranno ben dorate, poi rimuovete l’aglio dalla padella, salate e pepate. Intanto sciacquate i capperi sotto l’acqua corrente per eliminare il sale e tritateli con un coltello. Quando la pasta sarà cotta versate tutti gli ingredienti in un contenitore capiente: melanzane, pane tostato, pasta, capperi, feta sbriciolata e foglie di menta triturate. Mescolate e servite guarnendo con altra feta sbriciolata e briciole di pane.

Il tocco in più (o in meno)

Io ho sostituito il pane integrale raffermo con un più comune pan grattato già pronto. Se volete potete sostituire la menta con foglie di basilico fresco.

Consigli

Questa pasta può essere consumata anche fredda e conservata in  frigorifero in un contenitore ermetico per massimo 2 giorni. Si sconsiglia la congelazione.

Le ricette delle due insalate non ricordo da quale rivista sono state estrapolate e gelosamente custodite prima di essere provate, approvate ed essere ammesse a far parte del mio ormai piuttosto noto ricettario. La ricetta della pasta invece l’ho recuperata da GialloZafferano.

Le fotografie sono mie e la location è sempre quella della mia cucina romana.

Fatemi sapere cosa ne pensate e soprattutto, se decidete di provare qualcuna di queste ricette, voglio sapere come sono riuscite e quali sono stati i risultati.

Quindi buon appetito…e buon viaggio nel gusto.

Se avete ricette tipiche di un luogo da consigliarmi perché io le provi e ne condivida poi l’eperienza contattatemi… wwayne mi ha già mandato la ricetta della focaccia ligure…

Le sculture di Bruno Catalano: il mio spirito viaggiatore squarciato.

Le sculture di Bruno Catalano rappresentano pienamente come si sente in questo periodo il mio spirito viaggiatore…

È così che mi sento in questi giorni: come alle opere di questo artista anche a me manca qualcosa. Le sue sono sculture che rappresentano uomini e donne viaggiatori, con la valigia sempre in mano (dislocate da Marsiglia a Singapore). La loro particolarità però è una voragine, uno strappo nello stomaco. In questo tempo difficile di solitudine e chiusura anche la mia anima viaggiatrice si sente bucata, incompleta, le manca un pezzo. “Resistiamo”, “restiamo a casa” sono frasi che in questi giorni stiamo sentendo e leggendo ovunque. Anche io ovviamente ho fatto miei questi principi e li sto mettendo in pratica. Passerà tutto, mi dico e vi dico…

Per ora colmiamo le assenze e le distanze con la bellezza, ad esempio con quella delle sculture di Bruno Catalano.

I vuoti delle sue opere si riempiono di passato e di presente, di ricordi e di attese, di futuro e di quel che verrà.

Ma nella mano i suoi viaggiatori portano sempre un bagaglio, ricco di esperienze, saperi, vita vissuta. Infatti non c’è viaggio che, per quanto bello e atteso possa essere, non rechi in sè una frattura, una lacerazione fra ciò che eravamo prima è ciò che siamo diventati. Sono solo le esperienze e le memorie che teniamo in valigia a sanare queste “ferite”. Il viaggio di queste sculture è il viaggio dell’umanità.

E ognuno ha il suo bagaglio: dalla ventiquattrore allo zaino, dal trolley alla valigia di cartone. E pensate che lo scultore ha una collezione di borse da viaggio che si amplia nei suoi spostamenti per il globo. Perché lui di viaggi ne ha fatti davvero tanti!

Infatti, terzo figlio di un’umile famiglia siculo-marocchina, a 15 anni si trasferisce a Marsiglia per poi lavorare come marinaio per 3/4 anni e successivamente scoprire la scultura ed applicarvisi da autodidatta. Dapprima realizzerà così statuette più piccole in una fonderia improvvisata in casa. Poi passerà ad opere monumentali con due fonderie esterne: una a Bologna ed una in Francia.

La sua scultura più lacerata è César, un autoritratto. L’ispirazione, dice lui stesso, gli viene dalla sua vita: dallo sradicamento, dalla perdita di persone care, dal fragile equilibrio dell’esistenza. Così come in equilibrio instabile sono i bronzi che scolpisce. Sculture uniche e diverse, anche se di ognuna vi sono 8 copie e 4 prove d’artista. Esseri umani vestiti di tutto punto, con gli orologi ai polsi e i mocassini ai piedi.

I suoi personaggi sono quindi uomini e donne da lui realmente incontrati (dal businessman all’hipster) ed a cui l’artista affianca la rispettiva valigia. Oggetto che diventa nucleo fondamentale dell’opera: i viaggiatori hanno troppi squarci per restare in piedi e solo la “zavorra” del bagaglio può raccogliere e contenere i pezzi mancanti, le aspettative, i progetti, i ricordi, le nostalgie ed i legami, la voglia di vivere e di viaggiare.

Come il vuoto dei bronzi faccio in modo che il mio vuoto di questi giorni diventi possibilità, opportunità, che si aprano nuovi scenari e susciti in me (ed in noi) la fantasia di ciò che potrà essere e che sicuramente sarà.

Un invito a posare le valigie ed a lasciare, seppur per un attimo, che i pensieri siano sospesi tra passato, presente e futuro. Perché nonostante tutto la vita non si ferma, si continua a camminare e si è parte di un viaggio perenne. Anche se al momento ci si sente fermi.

Interrogarci e cercare di dare un senso logico a tutto ciò che ci sta succedendo non ci porterà da nessuna parte, così come non riusciremo mai a comprendere razionalmente i viaggiatori di Bruno Catalano. Dobbiamo solo fonderci col momento e con queste opere. Solo allora comprenderemo che non c’è luogo reale o immaginario che non potremo raggiungere. Certo non a breve eh!

Per ora #iorestoacasa. Poi torneranno i viaggi…

E chissà se anche alle sculture di Bruno Catalano primo o poi si colmeranno i vuoti come auguro ad ogni viaggiatore in “astinenza”.

Foto dal web

Sito ufficiale: https://brunocatalano.com

Tornare a Bologna

In questi giorni di stacco forzato spero di riuscire finalmente a postare alcuni articoli in sospeso, come questo relativo al mio fine settimana in cui ho avuto la possibilità di tornare a Bologna.

Giorno 1
Ancora una levataccia pre-partenza, ma non fa freddo come immaginavo.La città, nei 10 minuti che impiego da casa alla metro, pare svegliarsi. Ma i vagoni della metropolitana sono pieni anche a quest’ora. Il viaggio in treno scorre rapido fra chiacchiere ed un sonnecchiare scomposto. L’orologio della stazione centrale è fermo alle 10.25 da quasi 40 anni.
La mattinata ed il pranzo sono da FICO Eataly World: tigelle e gnocco fritto la fanno da padroni. La candelora a San Petronio, le biciclette ed i portici. La Gamberini Bag finalmente mia, i cappellacci con la zucca e le sorprese. Ritrovarsi a togliere la cera dal pavimento e rinunciare al tour by night…

Giorno 2

La nebbia ed il freddo che ti penetra nelle ossa (mi direte: “Beh se viaggi a febbraio devi metterlo in conto”). Noi che percorriamo, non si sa perché, strade di periferia e ponti verso il nulla. Nelle città bisogna tornare, è proprio vero: così questa volta, alla basilica di San Luca, salgo anche sulla cupola, per ammirare i colli bolognesi con una vista a 180 gradi, anche se l’esperienza di oggi era più da “Viandante su un mare di nebbia”. Il cibo è sempre una garanzia e poi una sosta caratteristica alla Decathlon di Casalecchio di Reno. Sotto la Torre degli Asinelli Un incontro fugace ma sentito con un caro amico e dopo gustare ancora la meraviglia di Santo Stefano con una guida d’eccezione. Riaffacciarsi alla finestrella sul canale prima di riprendere il viaggio in treno.

Nello zaino la guida per il mio prossimo viaggio.

Ma… “Qualcuno ha detto JUST EAT?”(cit.)

Qui trovate il post sul mio precedente viaggio in città: Bologna 2019

E comunque anche adesso avrei voglia di tornare a Bologna: ho appuntato un paio di cose da vedere!

Info pratiche:

  • Abbiamo soggiornato in comodissimi appartamenti “Nel sole”;
  • Pranzo a Casalecchio di Reno: Castellinaria;
  • Cena in centro città: Osteria delle Donzelle;
  • Per un pranzo o una cena più easy consigliata Dispensa Emilia;
  • Colazione senza dubbio da Impero (già provato lo scorso anno): da assaggiare i cornetti alla pesca sciroppata!

Foto mie o dei miei compagni di viaggio!

Piccole tigri

Dopo Piccola Orsa e Piccola Balena, un altro capolavoro di Jo Weaver: piccole tigri. Questa volta il rapporto madre\figlio è una relazione filiale ma anche di fratellanza: non un solo cucciolo ma due sorelline, appunto due piccole tigri.

Mamma tigre si accorge che la tana per sè e per le sue piccole Puli e Sera non è più sicura e decide di partire attraverso la giungla, alla ricerca di un nuovo rifugio. Quante avventure può riservare la giungla  per  due piccole tigri!

Le piccole  propongono come nuova tana un luogo nascosto dietro la cascata ma è più adatto alle rane poichè troppo umido.

Allora Puli, una delle cucciole, porta la mamma e la sorella su un albero altissimo ma anceh questo luogo si rivela sbagliato: è una tana più per scimmie che per tigri.

Le tre continuano a girare, attraversano la giungla in lungo e largo, tentano di nascondersi in una grotta ma ci sono troppi insetti. Ci riprovano con il tronco di un albero ma anche questo non va bene poichè vi è nascosto un pitone.

Alla fine finalmente la mamma trova il posto giusto per le sue cucciole: un vecchio tempio abbandonato. E’ racchiusa qui tutta la magia di piccole tigri: una madre e due piccole, illustrazioni meravigliose, un viaggio materiale e di crescita.

Un viaggio attraverso paesaggi selvatici ed incontaminati. Un viaggio con l’impronta, ormai nota, dell’autore.

Da quanto tempo non vi proponevo la recensione di un libro di viaggio? E’ tempo che torni a leggere e poi scrivere per voi!

Piccole tigri, Jo Weaver, Orecchio Acerbo

Marsiglia (giorno 3)

Gli attraversamenti selvaggi ed il sapone di Marsiglia, tanto sapone di Marsiglia.

Il sole della domenica mattina a passeggio sul lungomare.

Non ho parole difronte al legame profondo fra la modernità del Mucem, la storia del forte saint- Jean ed il mare. Posso solo tacere (si so stare anche zitta) ed ammirare…

Marsiglia (giorno 2)

È la natura che decide: dal porto vecchio si parte per l’arcipelago del Frioul solo se il mare lo consente. Altrimenti queste due piccole isole restano lì, ad un tiro di schioppo ma irraggiungibili, chiuse. Sarà uno dei motivi per cui le isole mi affascinano così tanto. Ma non voglio ripetermi…

A chateau d’If il più illustre detenuto è stato il conte di Montecristo ma sono i colori del mare e delle rocce a catturarci. Fra lo stridore dei gabbiani ed un forte vento non resistiamo alla tentazione di immergere i piedi in quelle acque stupende. Piccoli inghippi alla stazione ma alla fine in treno raggiungiamo Aix-en-Provence, ed è subito Cezanne e la Montagna Saint- Victoire vista dal vivo (quella vera, non il dipinto).

La bouillebaisse è davvero complicata da mangiare ma i calissons non mi dispiacciono affatto.

Marsiglia (giorno 1)

Il posto finestrino è indubbiamente il mio preferito…qualcuno dice che sia quello riservato ai sognatori…

Di sicuro la vista delle montagne innevate o di un isolotto (per me di origine vulcanica) rinfranca dalla maleducazione degli addetti ai controlli e del barista di turno…

À Marseille le informazioni scritte non sono sempre chiare ma a questa mancanza supplisce la gentilezza degli abitanti del luogo. Senza giacca. Godere del tepore del sole stesa su una panchina in legno massello al forte saint Jean. Vista Mucem. È febbraio, devo ricordarmelo, ma la luce del Sud della Francia è così…diversa, calda, chiara, accogliente. È la Provenza.

Le panier è fin da subito la mia zona preferita, sarà che ricorda tanto Montmartre. La cattedrale la Major è detta invece pigiama per la sua decorazione a strisce. Una sosta in appartamento per “preparare le stanze” e poi l’arc de triomphe in miniatura. Prendere al volo il 60 ed ammirare 2 spettacoli meravigliosi: il primo è il Santuario di Notre Dame de la Garde con i suoi 1000 ex voto e la voce di un bimbo che recita l’Ave Maria in francese. Fuori dalla chiesa il secondo spettacolo: uno dei più bei tramonti che io abbia mai visto sul Mediterraneo…

Bologna 2020 (giorno 2)

La nebbia ed il freddo che ti penetra nelle ossa (mi direte: “Beh se viaggi a febbraio devi metterlo in conto”). Noi che percorriamo, non si sa perché, strade di periferia e ponti verso il nulla. Nelle città bisogna tornare, è proprio vero: così questa volta, alla basilica di San Luca, salgo anche sulla cupola, per ammirare i colli bolognesi con una vista a 180 gradi, anche se l’esperienza di oggi era più da “Viandante su un mare di nebbia”. Il cibo è sempre una garanzia e poi una sosta caratteristica alla Decathlon di Casalecchio di Reno. Sotto la Torre degli Asinelli Un incontro fugace ma sentito con un caro amico e dopo gustare ancora la meraviglia di Santo Stefano con una guida d’eccezione. Riaffacciarsi alla finestrella sul canale prima di riprendere il viaggio in treno.

Nello zaino la guida per il mio prossimo viaggio.

Ma… “Qualcuno ha detto JUST EAT?”(cit.)