La Germania ed io
La Germania ed io

La Germania ed io

Da quando ho memoria il primo stato estero che ho conosciuto, la prima idea di distanza, lontananza, assenza, mi è stata trasmessa da questa parola: Germania. Non avevo idea di dove fosse ma sapevo che doveva essere un posto bellissimo perché quando non erano con me i miei nonni vivevano lì, e quando tornavano da me erano sempre felici e pieni di regali. I miei cari nonni emigranti.

cologne
Colonia

La Germania è stato anche il mio primo viaggio all’estero, proprio per andare a trovare i nonni a Konstanz (Costanza), sul lago, al confine con la Svizzera. Ci sono stata diverse volte e ricordo benissimo il verde della città, il lago, le sculture teutoniche in pietra installate negli anni novanta in giro per la città.

Nel 2005 sono tornata in Germania in occasione della GmG (Giornata Mondiale della Gioventù) e ci ho trascorso una decina di giorni visitandola un po’. Sono stata a Bonn, a Ulm, a Colonia e in centri minori come Memmingen e Mekeneim.

Bonn è la città famosa per aver dato i natali a Beethoven e perché fra il 1949 ed il 1991 è stata la capitale, spodestata dopo la caduta del muro di Berlino. Che bella la piazza del mercato, contaminazione fra architettura contemporanea e moderna! E il Reno scorre nella città…

A Ulm sono salita sulla torre campanaria più alta del mondo (151 m). A piedi! Che fatica. A Ulm è nato Einstein …

E quindi Colonia, con la sua cattedrale gotica con le due torri in facciata, in cui, secondo al tradizione riposano le spoglie dei re Magi. Iniziata nel 1248 e finalmente terminata solo nel 1880 seguendo il progetto gotico originale.

Quante caramelle gommose ho mangiato in Germania, wurstel, patate, bretzel…

E la scorsa estate ci sono finalmente tornata: 5 meravigliosi giorni a Berlino.

konstanz
Konstanz

(Foto dal web, meglio non ledere la reputazione di amici, ex amici e parenti con le foto d’epoca)

10 commenti

  1. Non sono mai stato in Germania, ma da quello che mi hanno raccontato gli amici penso che se volessi mangiare piatti tipici avrei parecchi problemi a trovare qualcosa che mi piace. Sento sempre e solo parlare di wurstel e crauti, tutti piatti che non riesco assolutamente a mangiare.

    Forse però sono solo un po’ ignorante e prevenuto, lavorando in hotel ho spesso a che fare con turisti tedeschi che affiancano il cappuccino a qualsiasi cosa (uova sode ad esempio).

  2. ho avuto la fortuna di abitare a Colonia, che adoro follemente! Conosco bene anche Bonn, Berlino e Ulm, ho visto anche tante altre città. Conosco anche il Bodensee e sono innamorata anche di Lindau. Ho un ex tedesco e un amore per la Germania che continua e mai si spegnerà che ho passato anche a mio marito adesso. E’ meravigliosa! Solo pochi condividono questa passione per la Germania, bello leggere di qualcuno che la apprezza.

  3. Pingback:Trentatrè (ma anche trentaquattro)”Trentini” – Viaggiatrice da grande

  4. Pingback:Best in Travel 2019 – Viaggiatrice da grande

  5. Pingback:Berlino nel cuore – Viaggiatrice da grande

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *