Travel Blogger Italiane a Roma: il ghetto

Una decina di giorni fa ho avuto il piacere e l’onore di partecipare al miniblog tour organizzato dalle Travel Blogger Italiane nel ghetto di Roma assieme a Eleonora di Avventure Ovunque e Sara di Itinerari Religiosi. A farci da guida la bravissima Claudia di ArtWanderlust.

Travel Blogger Italiane al ghetto: a pranzo da Nonna Betta

Il nostro itinerario parte nel migliore dei modi possibili: accolte per pranzo dal calore, dalla cortesia e dal buon cibo del ristorante Nonna Betta, un ristorante di tradizione giudaica con cucina kosher. Un ambiente curato nei dettagli con alle pareti le riproduzioni degli acquerelli di Roesler Franz conservati al Museo di Roma in Trastevere. Sono questi scorci del ghetto così com’era prima delle demolizioni del 1800.

Il pranzo è un trionfo di bontà: concia romana di zucchine, carciofi alla giudia, alici fritte, pezzetti fritti. Tre assaggi di primi della tradizione leggermente rivisitati: carbonara con zucchine, gricia con carciofi e cacio e pepe con cicoria. E poi un dolce fatto di semolino, cocco e succo di limone: non esattamente giudaico ma comunque di derivazione orientale.

Alla fine del pranzo Michele, che è stato il nostro riferimento, ci racconta come preparare i carciofi alla giudia e alcune curiosità sulla cucina kosher. Ad esempio che il maiale de i frutti di mare sono vieetati e che loro sostituiscono il maiale con la carne secca di manzo. Poi ci regala la tessera che ci fa diventare nipoti onorari di nonna Betta: ad ogni pasto consumato viene aggiunto un carciofino adesivo e raggiunti i 6 carciofini si guadagna il grembiule col marchio del locale.

Siamo ora pronte per la nostra visita al quartiere.

Travel blogger Italiane ghetto: nonna betta
Nonna Betta

La visita guidata di Claudia

Claudia è una guida abilitata e nelle 3 ore che impieghiamo per girare con calma fra i vicoli del ghetto di Roma ci racconta un sacco di curiosità.

Il nostro tour parte dal portico di Ottavia, sorella dell’imperatore Augusto e moglie di Marco Antonio, vittima di una politica matrimoniale fatta di alleanze e abbandoni. Sul portico svetta una targa in latino: tutte le teste dei pesci che superavano quelle dimensioni dovevano essere consegante ai conservatori. Era infatti risaputo che la testa era la parte migliore del pesce per fare la zuppa. Era questa infatti la zona delle pescherie: molti reperti antichi erano utilizzati come banchi per il pesce. Superato il portico si ha accesso alla chiesa proprio di Sant’Angelo in Pescheria. Sulla destra del portico invece un bassorilievo con l’immagine di Sant’Andrea, protettore dei pescivendoli, riconoscibile dal suo attributo iconografico, la croce ad X.

Qui mi limito a raccontarvi le notizie che mi hanno colpita maggiormente mentre per una descrizione più dettagliata del Ghetto vi invito a leggere l’articolo di Claudia.

Travel blogger Italiane:scorcio del ghetto

Ad esempio mi ha molto incuriosita, a proposito della fontana delle Tartarughe, il fatto che le tartarughe non fossero previste nel progetto iniziale ma che dovessero esserci dei delfini. Secondo la leggenda inoltre questa fontana fu costruita in una notte per volere di un fidanzato che voleva a tutti costi dimostrare al suocero di che pasta era fatto. Difronte alla fontana c’è infatti una finestra murata che fu utilizzata, sempre secondo la leggenda, in coccasione della costruzione della stessa.

Via della Reginella conserva invece quello che doveva essere l’aspetto originale del ghetto. Al numero 2 della strada incontriamo una delle Pietre d’inciampo, opera dell’artista Demnig: ricordo delle case da cui furono portati via gli Ebrei. Qui viveva Settimia Spizzichino, l’unica donna ad essere tornata viva da Aushwitz.

Travel blogger Italiane ghetto: piazza cinque scole
Piazza delle Cinque Scole

L’aperitivo al ghetto: Fonzie buger’s House

Al tramonto le Travel Blogger Italiane hanno avuto un altro appuntamento al ghetto: da Fonzie Burger’s House. Panini e prodotti a base di carne ma macelatti secondo le regole kosher e che non associa mai carne e latta.

Ogni panino è un autentico spettacolo: noi abbiamo provato il Crispy Royal, il Fresh, i Nuggets, la pizza romana con Roast-Beef, il Tatanka e lo Steak Sandwich. E per finire le Fonzine, un dolce affatto leggero. Tutto davvero ottimo e di qualità.

Altro amico che ci ha accompagnato in questa avventura Pemcards, con la possibilità di stampare le nostre #cartolinedaroma.

Fonzie Burger’s House

Le foto sono mie.

3 pensieri su “Travel Blogger Italiane a Roma: il ghetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *