Tre luoghi imperdibili a Recanati

Se pensate che Recanati sia solo Leopardi dovete assolutamente conoscere questi tre luoghi imperdibili: la Torre del Borgo, il museo Beniamino Gigli e Villa Colloredo Mels.

Grazie alla collaborazione con Sistema Museo, che si occupa del sistema museale cittadino, siamo stati loro ospiti ed abbiamo cominciato la nostra visita dalla Torre del Borgo.

Tre luoghi imperdibili a Recanati: la Torre del Borgo

Ingresso: 3 euro

Orari: 10-13 il sabato e la domenica anche 15-17

Dalla sua sommità lo spettacolo è eccesionale e dal 2016 al suo interno ospita il MUREC, il museo della città.

Edificata intorno al 1160 come fusione di tre castelli presenti in città, fu restaurata, nella parte alta, in seguito all’incendio del 1322. Nel XIX sec. ha assunto l’aspetto attuale di isolamento che la caratterizza, dovuto al rifacimento di Piazza Leopardi.

La torre ha pianta quadrata e altezza di 36 m ed è suddivisa in 7 livelli collegati fra loro da ripide scale che prendono luce dalle feritoie. Sulla sommità il terrazzo panoramico ed esternamente lo stemma della città di Feermo, legata da forte amicizia a Recanati, ed il leone rampante dell’artista Sansovino. Subito sotto i versi delle Ricordanze in cui Leopardi fa riferimento alla torre.

Fin dal XIV- XV secolo la torre civica era provvista di un orologio che dapprima era regolato secondo l’ora all’italiana con inizio dall’ora prima (dopo il tramonto). Poi Napoleone volle l’introduzione dell’ora “d’oltralpe” con la gioranat divisa in due cicli di 12 ore. Fra il 1800 e il 1970 circa il meccanismo usato era quello creato dalla gloriosa famiglia Galli: famosi orologiai marchigiani. Le ruote dentate sono in fusione di ottone e da circa 10 anni l’orologio è regolato da una centralina elettronica con rimessa all’ora esatta di tipo satellitare.

Mi ha molto affascinata l’idea che, quando non tutti potevano permettersi un orologio, il suono delle campane era un chiaro segno, anche per chi lavorava nelle campagne, dello scorrere del tempo.

Il concerto campanario è composto da quattro campane: ognuna ha il suo nome e il suo ruolo.

Il campanone segna l’angelus e suona nelle festività; è stata l’ultima campana realizzata dalla famiglia storica dei Pasqualini.

La mezzana o del consiglio suona per annunciare il consiglio comunale o le mezz’ore.

La mezzanella o della scuola suona dal lunedì al sabato, dal 15 settembre, al 15 giugno, per due minuti.

Poi c’è la piccola o dei caduti.

Nelle feste suonano tutte insieme.

Campane luoghi imperdibili recanati

Recanati: il Museo Beniamino Gigli

Quindi ci siamo spostati al museo Beniamino Gigli, un personaggio che ammetto, non conoscevo affatto. Tenore, ma anche “cantante popolare”, avendo diffuso fra i più canzoni come “mamma” e “non ti scordar di me”. Vi allego video per intenderci meglio.

Il museo nasce grazie alle donazioni degli eredi che hanno messo a disposizione oggetti di scena, costumi, cimeli, ecc. La mia parte preferita è stata quella con la riproduzione del camerino.

camerino luoghi imperdibili recanati

Beniamino Gigli, dopo un’infanzia semplice si trasferì a Roma per studiare e quindi avviò la sua carriera in Italia e nel mondo. Oltre alle rappresentazioni teatrali girò anche numerosi film.

Recanati: Museo Colloredo Mels

Orari: lunedì-domenica 10-13; 15-19

Il pomeriggio è stato dedicato alla visita di questo museo il cui fiore all’occhiello è sicuramente l’Annunciazione di Lorenzo Lotto.

Al piano terra il museo ospita una sezione archeologica che permette di conoscere le popolazioni primitive che si insediarono nel territorio dal Paleolitico all’età romana. Frutto di scavi e scoperte fortuite: interessanti le tombe dei due bambini e il rituale della rottura volontaria delle anse del vasellame prima della sepoltura. Allo stesso piano la collezione di ceramiche Ceccaroni, ceramista del XIX secolo a metà fra artigianato, poetica ed invenzione popolare.

Al piano nobile troviamo la Pinacoteca e le raccolte leopardiane.

Nella Pinacoteca, oltre a Lotto, opere del XIII al XVIII secolo.

La collezione leopardina invece conserva i ritratti di famiglia, numerosi libri, lettere e la maschera funebre del poeta.

luoghi imperdibili recanati lotto

Le foto sono mie e di Pietro.

Per info e prenotazioni:

Casa Leopardi a Recanati: al cospetto di un mito.

Visitare casa Leopardi a Recanati è trovarsi al cospetto di un mito: quello di Giacomo Leopardi.

Il Famoso “Ermo colle”

La casa natia del poeta si trova in una graziosa piazzetta a cui è stato dato il nome di Piazzetta del Sabato del villaggio. Da una parte troviamo casa Leopardi (con museo e biblioteca), dall’altra l’edificio in cui cuciva Silvia (che in realtà si chiamava Teresa)e la sua casa di famiglia che oggi ospita la biglietteria.

A tal proposito una premessa è d’obbligo: se volete fare l’esperienza di visitare i luoghi leopardiani a Recanati, scegliete il biglietto combinato che comprende la visita guidata alla biblioteca,il museo e la casa. Soprattutto prenotate per evitare le code che vi assicuro sono consistenti.

Pulitevi accuratamente i piedi sul tappeto all’ingresso per tutelare gli antichi volumi. Poi chiudete telefoni e macchine fotografiche in tasca perchè la famiglia ha il copyright sulle immagini e non è possibile scatatre fotografie. Seguite quindi la guida nella famosa biblioteca. Il nostro Cicerone è stato il bravissimo Francesco che ci ha emozionati, appassionati ed è stato capace anche di farci sorridere.

Piazzetta Sabato del villaggio

Casa Leopardi a Recanati: la biblioteca

Monaldo Leopardi, il padre di Giacomo, approfittando delle “incursioni napoleoniche” che avevano spogliato di opere d’arte l’Italia, ma avevano lasciato indietro i libri, acquistò carrettate di fondi librari. Nacque così la famosa biblioteca in cui Giacomo ed i suoi fratelli si formarono. L’idea, posta su una targa all’ingresso era quella di aprire la bibliotec ai figli, agli amici ed ai cittadini. I ragazzi erano seguiti da insegnanti gesuiti ma, soprattutto Giacomo, si formarono anche in autonomia, sulle “sudate carte”, negli anni dello “studio matto e disperatissimo”. La guida vi mostrerà il precisissim o sistema di catalogazione dei libri e il banchetto che Giacomo spostava di voota in volta esponendolo a favore di luce.

Mi ha colpita molto lo studio secondo cui la parentela fra i genitori del poeta può essere stata la causa tanto delle sue patologie quanto della sua genialità. Ricordiamoci infatti che a 14 anni si diplomò e intimò ai suoi professori di greco di ripassare la materia poichè erano a suo avviso un po’ carenti. Interessante anche la relazione con i genitori: al padre che aveva scialacquato il patrimonio di famiglia successe la madre distaccata dai figli ed eccessivamente morigerata nelle spese e nei costumi.

La casa

Al piano superiore si trovano le stanze che Giacomo ed i suoi familiari abitavano. Qui la visita è libera e in determinati punti troverete alcuni addetti che vi daranno delle informazioni.

Si accede tramite il salone azzurro che ospita, alle pareti, i ritratti degli antenati. Si passa quindi nella galleria, il principale salone di rappresentanza in cui svettano le casse che contenevano il corredo nuziale della contessa Adelaide, madre di Giacomo. Nel passaggio verso il giardino delle ricordanzeanze delle assi di legno ricordano il teatrino usato come svago da Monaldo ee dai suoi figli.

Il giardino delle ricordanze un tempo faceva accedere allo scenario famoso dell’ Infinito ma oggi la costruzione di un complesso monastico ne blocca la vista. Seguono dunque le brecce, le stanze dei giovani conti, così dette per il tipo di pavimentazione. Giacomo era solito scrivere anche in ginocchio davantial suo comodino che pertanto reca ancora segni di inchiostro.

Il piano più alto è ancora abitato dai discendenti: la più piccola inquilina ha 10 mesi.

Il museo

La visita al museo è totalmente in autonomia: spostandosi fra una teca e l’altra seguirete la crescita dei giovani leopardi. I loro giochi, le loro aspirazioni, l’amore e le amicizie. Fa bella mostra di sè l’abito del battesimo di Giacomo e la sua culla, oltre a libri, lettere e aneddoti sulla sua vita.

Se proprio non riuscite a resistere alla voglia di scattare una foto sappiate che all’ingresso della biblioteca è stata attrezzata un’area selfie. Immortalatevi con il busto del poeta e condividete lo scatto con l’hastag #selfieconGiacomo e #casaleopardi ma è d’obbligo citare almeno qualche verso fra i suoi più noti componimenti:

#semprecaromifuquestermocolle

#silviarimembriancora

#ladonzellettaviendallacampagna

#selfieconGiacomo

Le foto sono mie e di Pietro.

Per info e prenotazioni visitate il sito ufficiale.